C’era una volta: 60 anni di turismo invernale ad Andalo

C’era una volta: 60 anni di turismo invernale ad Andalo
venerdì 7 febbraio 2020

Nel 1960 il paese di Andalo fu al centro di uno dei più grandi cantieri della storia del mondo: la costruzione degli impianti e delle piste da sci.

Era il 6 maggio 1959 quando il Consiglio Comunale di Andalo deliberò la costruzione del primo impianto seggioviario di collegamento fra Andalo e la Cima Paganella. In quel periodo il paese era ancora votato all’economia tradizionale fatta di agricoltura, silvicoltura e artigianato, ma poteva già contare circa 1.100 posti letto suddivisi in alberghi, pensioni e case per ferie e su ulteriori 500 posti presso appartamenti privati ad uso esclusivo durante l’estate.

verbale_sci_Andalo.jpg

Come recita la delibera comunale “un’adeguata attrezzatura per gli sport e i divertimenti invernali” era la premessa  indispensabile per l’avvio di una stagione turistica più redditizia rispetto a quella estiva. Il Consiglio aveva l’obbligo di curare gli interessi generali della collettività e deliberò l’avvio di un’opera che avrebbe rappresentato “la base di un decisivo e notevole incremento delle attività turistiche” che costituivano il nuovo orizzonte economico dell’Altopiano della Paganella.

In questo atto ufficiale, formidabile per lungimiranza, chiarezza d’intenti e audacia economica, veniva stanziata la somma di 85.754.000 Lire per la realizzazione dell’impianto funiviario. L’opera sarebbe stata realizzata in due tronchi, sia per ragioni tecnico-costruttive, sia per motivi pratico-funzionali, con una stazione intermedia a mezza costa nei pressi della Malga di Terlaga.

Questa cifra, attualizzata al 2019 secondo i coefficienti ufficiali di conversione ISTAT, corrisponde a circa 1.200.000 euro attuali, un importo accettabile per un comune di oggi, ma assolutamente imponente per l’anno 1959. Basti pensare che nel dicembre dello stesso anno si approvava il Bilancio di previsione per l’anno successivo di una somma ben inferiore (63.270.000 Lire).

img053.jpg

In quella stessa seduta veniva approvato il progetto preliminare e il piano di finanziamento dell’opera, secondo cui circa un terzo della spesa sarebbe stato finanziato attraverso la vendita del legname tagliato in Paganella per i tracciati delle piste.

Fu incaricato della progettazione esecutiva l’ingegnere Lello Prudenza di Torino per conto e a nome della società Fratelli Marchisio – Funivie, seggiovie – sciovie con sede nella stessa città.

I lavori edili e meccanici iniziarono nel 1960, esattamente 60 anni fa e furono affidati alla ditta Actis di Susa, specializzata nei lavori di realizzazione di impianti di sciovie e funivie. Nel tempo record di poco più di un anno l’opera era stata realizzata.

L’inaugurazione ebbe luogo il 22 luglio 1962 alla presenza di numerose autorità, tra cui il Ministro dei Lavori Pubblici onorevole Fiorentino Sullo.

img081.jpg

Da allora l’economia turistica, in tutte le sue sfaccettature, si è andata affermando quale centro degli interessi della comunità di Andalo. Dalle prime timide piste degli anni ’60, il comprensorio sciistico si è evoluto sia nella tipologia sia nella capacità di portata oraria degli impianti di risalita, così come molteplici sono state le integrazioni delle piste da sci, diventando una delle maggiori mete sciistiche e turistiche del Trentino.

La decisione di allora si è rivelata in tutta la sua lungimiranza. Sostenuta dalla forza di volontà della popolazione e dalla creatività con cui si è operato a livello di sistema complessivo, ne è risultato il successo che oggi tutti riconoscono.

img056.jpg

ALTRI ARTICOLI

Due chiacchiere con Luca Mercalli
12 novembre 2020

In Dolomiti Paganella abbiamo conosciuto Luca Mercalli durante la prima edizione del Mountain Future...

Future Lab: I Risultati Intermedi
21 ottobre 2020

A dodici mesi esatti dalla sua serata di lancio, il Dolomiti Paganella Future presenta i risultati intermedi...

New Generation Day, la progettazione del futuro ai giovani
15 ottobre 2020

La questione delle nuove generazioni (da interpretare come problema, ma anche e soprattutto come opportunità)...

Future Lab Day: a che punto siamo
30 settembre 2020

Una serata di lancio, lo scorso 29 ottobre, che ha visto protagonisti più di 800 partecipanti,...

Prossima webcam Webcam precedente

Loading...

webcam

Iscriviti alla newsletter


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.


Annulla
Chiudi

Richiesta informazioni

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
Il titolare del trattamento dati è Azienda per il Turismo Dolomiti Paganella e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/ iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Invia Richiesta