C’era una volta: La Fabbrica del vetro

C’era una volta: La Fabbrica del vetro
lunedì 16 dicembre 2019


Sapevate che, in passato, l’Altopiano della Paganella è stato un importante distretto industriale? Sembra incredibile, ma è proprio così: quando i nostri paesi non erano che piccolissimi villaggi dispersi tra le montagne, Andalo e Spormaggiore si trovarono al centro di un’impresa industriale di rilievo internazionale. Stiamo parlando della “fabbrica del vetro”.

Nel 1790 un imprenditore trentino, Domenico Antonio Vidi, costruì ad Andalo al “Doss de le Mòseghe”, poco a monte del Maso Toscana, uno stabilimento di vetri e cristalli all’uso di Boemia. Il nostro imprenditore aveva ottenuto dal Comune di Zambana il permesso di tagliare legna nei boschi della Paganella per alimentare il fuoco delle fornaci e delle calcare; in zona vi era inoltre un ruscello che portava l’acqua necessaria per azionare il mulino di triturazione del materiale siliceo e la ràssica per il taglio delle assi.

Progetto_senza_titolo.jpg


Assoldò dalla Boemia esperti maestri vetrai e fece arrivare i materiali necessari dal Trentino, dall’Italia e dall’Europa.

La produzione iniziò nel 1791: il cristallo di Andalo risultò di grandissima qualità, per nulla inferiore a quello boemo, e trovò immediata commercializzazione a Trento e nei confinanti territori italiani. L’abile imprenditore riuscì a passare indenne il burrascoso periodo geopolitico, fatto di guerre, confini territoriali continuamente spostati e battaglie sui dazi commerciali.

Le cose invece non andavano affatto bene sul fronte interno. La voracità dei forni fusori e delle caldaie aveva impoverito le risorse forestali della Paganella. La comunità passò dalla preoccupazione al malcontento, e infine alla rivolta.

Vidi fu costretto nel 1819 a trasferire la produzione nel nuovo e più moderno stabilimento di Spormaggiore, nella località che appunto prese il nome dalla sua impresa: la “Fabrica”. Ma lo attendeva anche qui l’ostilità verso un’attività che, con i forni fusori da 25 bocche, avrebbe portato al disboscamento dell’intera Selvapiana.


vetreria.jpg


Nonostante i successi commerciali e l’apprezzamento della Corte viennese, il boicottaggio dei lavoratori di Spormaggiore contribuì alla caduta della produzione e portò alla chiusura dello stabilimento nel 1828.

Pur trattandosi di un caso industriale ad altissima tecnologia e di grande successo commerciale, gli abitanti dell’Altopiano avevano vissuto, di tutto questo, solo gli aspetti più negativi come la distruzione del patrimonio boschivo fonte della sopravvivenza stessa della comunità, ma anche numerosi casi di malattie professionali ai polmoni e agli occhi dei i lavoratori.

L’equilibrio secolare tra uomo e territorio era stato violato, con gravi danni per la comunità e rischi ancor maggiori per il futuro. Così, come un bubbone infetto, la fabbrica fu espulsa dal territorio dell’Altopiano.

ALTRI ARTICOLI

Due chiacchiere con Luca Mercalli
12 novembre 2020

In Dolomiti Paganella abbiamo conosciuto Luca Mercalli durante la prima edizione del Mountain Future...

Future Lab: I Risultati Intermedi
21 ottobre 2020

A dodici mesi esatti dalla sua serata di lancio, il Dolomiti Paganella Future presenta i risultati intermedi...

New Generation Day, la progettazione del futuro ai giovani
15 ottobre 2020

La questione delle nuove generazioni (da interpretare come problema, ma anche e soprattutto come opportunità)...

Future Lab Day: a che punto siamo
30 settembre 2020

Una serata di lancio, lo scorso 29 ottobre, che ha visto protagonisti più di 800 partecipanti,...

Prossima webcam Webcam precedente

Loading...

webcam

Iscriviti alla newsletter


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.


Annulla
Chiudi

Richiesta informazioni

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
Il titolare del trattamento dati è Azienda per il Turismo Dolomiti Paganella e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/ iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Invia Richiesta