Innovazione e sostenibilità: sfide e opportunità per le strutture ricettive

Innovazione e sostenibilità: sfide e opportunità per le strutture ricettive
venerdì 28 febbraio 2020

La capacità di innovare è uno dei fattori determinanti per lo sviluppo del settore turistico ed alberghiero.

In una classificazione generale, ci sono nello specifico otto ambiti dove una struttura ricettiva può intervenire per una potenziale innovazione: risparmio energetico, gestione dell’acqua, riduzione dei rifiuti, uso di prodotti sostenibili, alberghi informatizzati, riduzione degli sprechi alimentari, diffusione di una cultura della sostenibilità e promozione di attività e tour eco-sostenibili. Ed è proprio un accorgimento verso il risparmio energetico che manca nel nostro settore in Italia.

L’impatto ambientale del settore turistico, in particolare delle strutture ricettive, è in particolare dovuto a:

  • gli elevati consumi elettrici di una struttura alberghiera (circa 110 kWh/m2 all’anno);
  • l’eccessivo consumo di acqua;
  • le emissioni di anidride carbonica (secondo una recente analisi dell’UNWTO il turismo contribuisce al 5% delle emissioni mondiali di CO2);
  • l’estremo spreco di cibo (circa un terzo del cibo prodotto viene perso o sprecato).

foto_1.jpg


Cosa vuol dire innovazione in ambito turistico?

Quando parliamo di innovazione non parliamo solo di modernizzazione tecnologica, ma anche di sostenibilità ambientale e sociale, così come di nuove idee di business. Per quanto riguarda la sostenibilità, in Italia manca ancora tanta sensibilità. Sono solo 15 gli hotel italiani in possesso di una certificazione EMAS (Eco-Management and Audit Scheme), a differenza dei 74 della Germania. Orientarsi verso la sostenibilità significa impegnarsi a soddisfare i bisogni dei turisti e delle popolazioni ospitanti, senza però compromettere il patrimonio ambientale e culturale di una destinazione.

Come si diventa più sostenibili?

Per essere meglio comunicata verso l’esterno, la sostenibilità deve in primis iniziare dall’interno dell’azienda. È importante che vi sia coerenza tra lo spirito aziendale e come l’azienda stessa agisce, risultando così credibile nei confronti dei clienti.
Quindi, è necessario partire da un’azione di formazione interna per attuare il cosiddetto cambio di mentalità di tutto il personale su tutti i livelli, per poi sviluppare strategie in ottica di sostenibilità che siano direttamente condivise. A questo proposito My Green Butler può essere un valido supporto. Si tratta di un servizio che incoraggia gli utenti verso un cambiamento nel loro comportamento in termini di consumi, offrendo corsi di formazione su misura per staff e managers.

foto_2.jpg


Perché investire in innovazioni sostenibili?

Sono gli stessi visitatori a chiedere, sempre di più, che il settore turistico diventi più sostenibile. Una recente analisi di Booking ha trovato che “agire ora e fare scelte sostenibili per preservare il pianeta per le generazioni future” è una priorità per il 72% dei viaggiatori. Dalla ricerca emerge anche che il 53% preferisce comprare prodotti locali piuttosto che souvenir prodotti in massa. Inoltre, un recente report dell’Osservatorio LifeGate (LINK) afferma che già il 28% degli italiani intervistati sceglie di alloggiare in strutture ricettive che rispettano il territorio.

Non stupisce quindi che siano già numerose le strutture ricettive che hanno messo la sostenibilità al centro della loro identità e offerta. A questo proposito possiamo prendere esempio da Lefay Resort sul Lago di Garda che riesce a compensare il 100% delle sue emissioni di CO2 e ottiene la maggior parte dell’energia che usa da fonti rinnovabili.

foto_3.jpg


Ecco altri due esempi che possiamo tenere in considerazione:

- Un’antica malga in pietra trasformata in un agriturismo biologico circondato nei boschi della Lessina: Agriturismo Malga Riondera, completamente ristrutturata secondo i principi della bioedilizia. 
- Uno speciale Biohotel in Austria: Biolandhaus Arche, classificato come uno dei 30 Ecobnb più belli.

È importante ricordare però che quando parliamo di sostenibilità, l’obiettivo non è solo ridurre l’impatto ambientale, ma anche aumentare quello sociale. Con impatto sociale del turismo intendiamo “l’insieme degli effetti sulla comunità locale […] che deriva direttamente ed indirettamente dai rapporti tra la comunità stessa e la popolazione turistica” (Gubert e Pollini 2002 pagina 58).

In questo ambito, un aspetto sempre più esplorato è quello della connessione tra i turisti e i residenti di una destinazione. In questo settore, Accor sviluppa offerte volte proprio a creare momenti di socializzazione tra residenti e vacanzieri.
In questa stessa ottica si inseriscono le iniziative già intraprese sul nostro territorio, quali il progetto Top Experience e la campagna Ambassador. Un modo, questo, di connettere i visitatori all’ecosistema sociale della nostra destinazione, ossia in primis con gli albergatori e gli operatori turistici, ma soprattutto con i residenti: un tema caldo che stiamo affrontando anche con il Dolomiti Paganella Future Lab.

4_ORME_2018_ph._Danieli_76.jpg


BIBLIOGRAFIA

De Carlo, M., Caso R. (2007) Turismo e sostenibilità - principi, strumenti, esperienze. Milano, Franco Angeli.

Di Vaio, G, Debellini P. (2019) Innovazione e hospitality: quali leve per la competitività del turismo in Italia? 
Accessibile online: bit.ly/SostenibilitàeInnovazione

Gubert, R., Pollini G. (2002) Turismo, fluidità relazionale e appartenenza territoriale. Milano, Franco Angeli.

ALTRI ARTICOLI

Primo Bilancio Sintetico Estivo 2020
17 settembre 2020

Partiamo subito da una considerazione: i flussi turistici che abbiamo registrato sono stati ampiamente...

Future Lab e nuove generazioni: il progetto dei ragazzi della II media di Andalo
29 maggio 2020

Una delle sfide principali del Dolomiti Paganella Future Lab è sicuramente quella di coinvolgere...

Sostenibilità ambientale: prenotazioni online per la Falesia Dimenticata
26 maggio 2020

Una delle 4 sfide che abbiamo lanciato con il Future Lab è quella della sostenibilità ambientale,...

I nuovi turisti: il valore dell'esperienza
16 aprile 2020

Il successo di un’industria turistica non si basa solo sull’aggiornamento dei fattori ambientali...

Prossima webcam Webcam precedente

Loading...

webcam

Iscriviti alla newsletter


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.


Annulla
Chiudi

Richiesta informazioni

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
Il titolare del trattamento dati è Azienda per il Turismo Dolomiti Paganella e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/ iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Invia Richiesta