Castel Belfort, tra storia e leggenda

Castel Belfort, tra storia e leggenda
lunedì 25 gennaio 2021

Una torre del 1300 che svetta come una sentinella tra le rovine della settecentesca cinta muraria distrutta da un misterioso incendio: Castel Belfort, a Spormaggiore, non smette di accendere la fantasia, grazie anche ai misteri e alle leggende che lo circondano.

La storia di Castel Belfort inizia il 22 maggio 1311, quando Enrico, conte del Tirolo, concesse alla potente famiglia dei Tissoni di Spormaggiore il diritto a costruire “sul dosso […] nelle pertinenze di Spormaggiore sotto la via nuova una torre, ovvero un’abitazione competente con muri ed edifici”.

Foto_1.JPG

Il castello doveva controllare il traffico della via nuova, la strada che collegava Fai della Paganella, e di conseguenza la Piana dell'Adige, con la Val di Non passando per Spormaggiore. Nella storia del castello sono 11 i casati che lo hanno posseduto. Tra questi, la famiglia Reifer è sicuramente quella che maggiormente ha lasciato un segno nella sua storia, soprattutto quella popolare.

La leggenda del Fantasma del Castellano Geloso

Il 1° maggio 1460 Cristoforo Reifer, dinasta di Belfort, sposò la diciannovenne Orsola Künigl di Ehrenburg. Cristoforo, già due volte vedovo, aveva allora superato i cinquant’anni e, in passato, aveva dato segni di squilibrio mentale. Questi segni si manifestarono pochi mesi dopo il matrimonio in modo così palese che la povera Orsola, maltrattata e quasi strangolata dal marito in un attacco di follia, chiese aiuto ai suoi familiari per essere liberata e, infine, dopo un regolare processo, sciolta dal vincolo matrimoniale. Cristoforo era ossessionato dal dubbio che la moglie lo tradisse e che tutti, moglie e servitori di comune accordo, cercassero di avvelenarlo.

Foto_2.jpg

Ancora oggi si narra di un vecchio castellano che si aggira, inquieto, tra le rovine del castello, tutto vestito di nero e armato di una spada luccicante. Per la gente del posto l’anima di Cristoforo è rimasta intrappolata tra i ruderi del castello e, come nel poema dantesco, per contrappasso è destinata a cercare, invano, le prove del tradimento di sua moglie Orsola.

La leggenda racconta come una sera un viandante, sorpreso dal maltempo mentre passava di lì ed entrato nel castello per cercare un riparo dal temporale, si imbatté nel fantasma del feroce cavaliere che lo rincorse chiedendo a lui le prove dell’infedeltà della moglie.

Foto_Anteprima.jpg

Informazioni utili per la tua visita

  • L’accesso al castello è libero e gratuito tutti i giorni dell’anno
  • Una breve camminata su strada sterrata (adatta anche ai passeggini) conduce al Parco Faunistico di Spormaggiore: aperto da aprile a novembre, offre un’occasione unica per ammirare gli animali più famosi dell’arco alpino, a partire da orsi e lupi.
  • Porta a casa un ricordo del territorio facendo visita all’Apicoltura Castel Belfort: da più di quarant’anni produce miele ai piedi del castello.

Foto_4.jpg

(Estratto di un articolo di Sandro Osti, Paganella Dolomiti Magazine 9/2018)

I più letti

Scalare l’Everest in Dolomiti Paganella
18 febbraio 2021

Si è conclusa in 14 ore Everesting Paganella, l’impresa dei nostri sport ambassador Yanez...

Martina, dalla Paganella alle Deaflympics di snowboard
09 febbraio 2021

Come quasi tutti i bambini che vivono in Dolomiti Paganella, Martina Osti, 22 anni di Andalo, ha imparato...

5 idee per una vacanza family no-ski in Dolomiti Paganella
04 gennaio 2021

Escursioni nella neve, merende golose nei rifugi, gare di slittino: in Dolomiti Paganella le avventure...

Ciaspolare in Dolomiti Paganella: una guida alle cinque migliori escursioni
06 dicembre 2020

Neve non significa fine delle camminate in montagna! Le ciaspole sono uno dei modi migliori per stare...

Prossima webcam Webcam precedente

Loading...

webcam

Iscriviti alla newsletter


Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.


Annulla
Chiudi

Richiesta informazioni

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
Il titolare del trattamento dati è Azienda per il Turismo Dolomiti Paganella e dichiara che i dati acquisiti tramite il presente form verrà trattato nel seguente modo:

è utilizzato per l’evasione dell’attuale richiesta di informazioni/acquisto/ iscrizione fino al suo espletamento e per nessuna ulteriore attività.
è conservato presso gli archivi aziendali senza data limite, fino a cancellazione autonomamente da parte dell’utente, volontaria da parte del Titolare o su esplicita richiesta di cancellazione da parte dell’utente.
è conservato per conto del Titolare da KUMBE, mantainer del Titolare per i servizi digitali, negli archivi cloud e relativi backup a loro volta gestiti in ottemperanza al GPDR per tutta la durata contrattuale con il Titolare -che ne può disporre in ogni momento- e fino a successiva cancellazione.
non verrà ceduto ad altri terzi, non verrà utilizzato per campagne di marketing salvo non sia contestualmente autorizzata tale opportunità.
verrai profilato in base alle informazioni contenute e il dato potrà essere utilizzato per elaborazione statistica.

Dichiarazione in merito al GDPR (Regolamento Generale Protezione dei Dati)
In caso di sottoscrizione Newsletter dovrai confermare l’iscrizione per mezzo di mail di conferma inviata all’indirizzo inserito. In tal caso il trattamento prevede:

la profilazione dell’utente in gruppi, status, preferenze secondo quanto indicato e dedotto dalle informazioni inviate tramite il form o successiva autonoma profilazione.
l’utilizzo del dato per l’invio di comunicazione a mezzo digitale (email, whatsapp) e non (cartaceo) avente scopo informativo/commerciale.
l'utilizzo della mail per la generazione di campagne marketing e informative personalizzate, digitali e non.

Invia Richiesta